sabato 19 dicembre 2015

Un amica con la quale dividere cazzi e sentimenti

Eccomi nuovamente a scrivere qualcosa della mia storia di transessuale, dopo tanto tempo. Ho visto che i miei blog precedenti hanno avuto diverse letture e questo mi rende ovviamente molto felice. Eravamo rimasti alla mia esperienza con i due uomini e l'orgia indimenticabile, nel quale mi sono imbattuta nelle mie prime esperienze come prostituta. Come vi dicevo furono molti gli incontri con uomini più o meno Depravati che caratterizzarono quegli anni ma un incontro cruciale della mia vita, che porto poi anche ad un incontro di sesso fantastico fu quello con Valeria. Valeria era una giovane donna anche lei del sud Italia, di Niscemi nella provincia di Caltanissetta. Così come avevo fatto io era migrata a Milano in cerca di fortuna ed in cerca di una vita diversa che la sua piccola cittadina di provincia non poteva certo darle. Come molte e come la sottoscritta aveva dovuto arrangiarsi e diventare una prostituta per tirare avanti. Valeria la conobbi proprio sul marciapiede, un giorno che entrambe stavamo appunto battendo la strada e per casualità ci trovammo affianco ed iniziammo parola dopo parola una lunga chiacchierata che ci portò poi a tarda notte a casa di Valeria a bere due birre e mangiare patatine come due vecchie amiche complici da anni. Ho amato Valeria, dal primo giorno, a differenza di molte prostitute che avevano dei pregiudizi verso noi transessuali, Valeria si dimostrò subito affabile e amichevole e neanche per un secondo dimostrò un qualsiasi tipo di intolleranza per la mia persona. Ci frequentavamo spesso la notte dopo il lavoro ed eravamo diventate due amiche per la pelle. Era una sera di pieno , ed in quei giorni c'era un bel movimento, alcuni mariti con le mogli in vacanza approfittavano dell'occasione per farsi una scopata in piena libertà ed gli incassi erano molto buoni. Verso le 22 30 circa, mi si avvicina una macchina e quando abbassa il finestrino, vedo la mia amica Valeria, in compagnia di un bel ragazzo, anzi un gran figo sulla trentina. Valeria mi dice:" Questo mio amico vorrebbe farlo in 3, ti va"? Io non esito un attimo e rispondo subito con grande estuiamo, sì. Dentro di me, ero molto eccitata, non ero mai stata assieme ad una donna e l'idea mi eccitava in particolar modo, forte anche del feeling che si era creato con Valeria. Dopo 10 minuti di macchina, entriamo finalmente nell'appartamento del tipo, un piccolo monolocale, pulito e ben curato. Valeria, prende l'iniziativa come solitamente una prostituta non fa e inizia a baciare appassionatamente Carlo( questo è il nome, con il quale il nostro cliente si era presentato). Mentre Valeria bacia Carlo, io mi tolgo il cappotto e rimango in lingerie, Carlo mi fa cenno di avvicinarmi e quando sono a viso a viso con lui, che ancora bacia Valeria, mi prende la testa e me l'abbassa all'altezza dei suoi pantaloni. Che Depravato! Neanche ci ha offerto da bere, mi dico io tra me e me. Inizio a fare una delle cose che più mi piacciono, farmi ingrossare il cazzo ancora moscio in bocca e poi pomparlo succolentemente. Carlo, inizia a gemere e la cosa mi eccita moltissimo tutte le volte, sapere di dare piacere con il proprio corpo è qualcosa che mi provoca altrettanto piacere. Dopo un po' ci accomodiamo nel letto e Carlo ci invita a pomparlo a due bocche. Inizia a slinguanciargli la cappella a succhiarlo a turno e spesso in quegli attimi le bocche mia e di Valeria si sfiorano, divise solo da un pochi millimetri di saliva di umori di cazzo e di lingua. Tutto questo mi piace e vedo che anche Valeria è coinvolta in questo gioco. Dopo un po' le nostre bocche si trovano unite divise in parte solo dal cazzo di Carlo e ci troviamo a pomiciare un po' il cazzo un po' le nostre lingue. Carlo dopo poco mi chiede, di mettermi a pecorina e chiede altresì a Valeria di leccarmi il culo prima. Messa a pecorina, sento la calda ed avvolgente lingua di Valeria che mi solletica l'ano ed è davvero molto piacevole, a breve il cazzo di Carlo mi penetra e nel frattempo Valeria viene dritta verso di me e mi bacia, mentre a sua volta si fa un ditalino. Bastano solo pochi minuti per Carlo per sborrare. Peccato mi sarebbe piaciuto qualche minuto in più, ma devo dire che è stata davvero una scopata da ricordare. Abbiamo con Valeria fatto nuovi incontri a tre, e la nostra complicità a letto e come amiche è cresciuta nel tempo. Ad oggi siamo ancora amiche che ogni tanto si frequentano anche se non facciamo più sesso. Lei ha un compagno fisso adesso e si è sistemata abbastanza bene. A presto cari amici, con la prossima storia.

Nessun commento:

Posta un commento